I canti popolari siciliani

large-hotpink-animated-music-notes.gif
U sceccu -
00:00 / 00:00
large-hotpink-animated-music-notes.gif
Ballatella contro i Borboni -
00:00 / 00:00
large-hotpink-animated-music-notes.gif
Vinni cu vinni -
00:00 / 00:00

Vinni cû vinni è un bellissimo esempio di poesia popolare del Risorgimento. Il canto esprime l’entusiasmo del popolo siciliano per l’arrivo del leggendario Garibaldi, atteso come il liberatore.
Nella sestina, qua cantata in due quartine, è espressa l’immagine dell’eroe secondo il sentimento delle masse popolari: un san Michele Arcangelo venuto a liberare la Sicilia dal Borbone oppressore e a vendicarne i morti, con il suo sguardo da Gesù Cristo e l’autorità di Carlo Magno nel comandare.
Nell’ultima ottava, il giudizio espresso a fatti avvenuti diventa satira nei confronti di Francesco II «poveretto» .
Ovviamente, artefice delle disavventure di Francesco II è sempre Garibaldi: il martello che gli ripassò i chiodi, che il popolo siciliano celebrò tra il mito e la leggenda, riconoscendogli capacità soprannaturali e discendenze divine: i palermitani, infatti, lo credettero discendente di Santa Rosalia, per assonanza con Sinibaldi, nome del padre della Santuzza.

Il 14 aprile del 1860 veniva eseguita la condanna a morte di 13 insorti palermitani. L'episodio diede vita a questo canto, che è un grido di condanna alla prepotenza e all'arrivismo dei capi della polizia borbonica. In un crescendo, i versi denunciano la tensione reale che vive la città in quelle ore, fino all'esplosione della rivolta del 21 maggio. Tutta la stampa clandestina e la propaganda assicurano che presto arriverà colui che metterà fine ai soprusi e ai torti. Comincia a prendere forma il mito di Garibaldi.

'A rivoluzioni du 1848 ('U saziu nun criri a lu diunu)
 

Nu sceccu avvezzu a traspurtari pani
un jornu lu pitittu lu futtia
“Patruni, a nomu di li cristiani”
ci dissi “quacchi tozzu ni vurria.”

“La cira ‘nmanu di li sacristani
squagghia comu la nivi a la campia.
Tu ca li costi l’hai robbusti e sani
pensa un momentu a ristorari a mia”.

Rispusi di bon cori lu patruni
“Si fussi pagghia t’avirria cuncessu
mangiaritinni magari un saccuni,
ma di lu pani nun ci trovu nessu.”

“Ti dugnu un cozzu di lu vastidduni
e lu pittittu to sempri è lu stessu”.
Lu sceccu fu ‘mpurtunu, si curca ‘nterra

e dici:“Lu sazziu un criri a lu diunu”.

Ballatella contro i Borboni

Di la testa di re Burbuni
'nu tamburu avìmu 'a fà'!...


Di li vrazza di re Burbuni
ddu' mazzoli avìmu 'a fà'!...

Di la panza di re Burbuni
'na grancascia avìmu 'a fà'!...

E di l'anchi di re Burbuni
ddu' furcuni avìmu 'a fa'!...

Curnuti chi serviti lu guvernu...
chî strisci russi e li robbi di pannu...
Si voli Diu mi cancia lu guvernu,
li robbi vi li tagghiu parmu a parmu!...

 

Un asino che trasportava pane
un giorno aveva una gran fame
"Padrone, per pietà cristiana"
gli disse "ne vorrei qualche pezzo."

"La cera in mano ai sacrestani
si scioglie come la neve sui campi.
Tu che hai costole sane e robuste
pensa un momento a ristorarmi".

Il padrone rispose bonariamente
"Si fosse paglia ti avrei concesso
di mangiartene anche un grosso sacco
ma non ha senso darti il pane."

"Anche se ti do un pezzo della pagnotta
la tua fame resta sempre la stessa".
Allora l'asino si ribellò, si stese per terra e disse:
"Chi è sazio non crede a chi ha fame".

Della testa del re Borbone
Ne faremo un tamburo

 

Delle braccia del re Borbone
Ne faremo due mazzuole

 

Della pancia del re Borbone
Ne faremo una grancassa

 

Delle anche del re Borbone
Ne faremo due forconi

 

Cornuti che servite il governo
Con le strisce rosse e gli abiti di panno
Se vuole Dio e mi cambia 'sto governo
Quegli abiti ve li taglio da una parte all'altra!

large-hotpink-animated-music-notes.gif
large-hotpink-animated-music-notes.gif

Lu smaccu di Salzanu, Maniscalcu e Lanza a lu 21 maggiu 1860

Menzi-aranci sfacinnati,
chi a li chesi, strati strati,
vi appiattati, vi iunciti,
pri ntunari libertà,
'ntra l'avvisi nun liggiti
Ca turnanu tranquillità?

Ogni ghiornu nni l'ha dittu
Lu Guvernu, e nun s'ha crittu,
A lu Duca di la Gancia
Si ha pigghiatu pro Pepè
Menzi-culi, chi vi mancia
Cu sta cursa e cu sti olè?

Già l'assediu era li vatu,
(e, cci iuru, fu stampatu)
Lu consigghiu militari
Si lassau pri fari un chì:
fu un capricciu, né atruvari
vui ci aviti lu pirchì

E si ora si appizzau
Chi l'assediu riturnau,
è pirchì quarchi priduni
forsi spersu ancora cc'è:
e nni guarda lu vurzuni
la milizia di lu re.

Viva, viva, e sia ludata
Sta milizia nfrancisata,
chi ha distrutti li paesi
cu curaggiu di francisi,
chi a li fimmini e carmuci
l'ha infilatu duci duci
chi ha sbannatu li priduni
trenta voti, e forsi cchiù,
chi cu casci e casciuni,
si cci ha misu a tu-pri-tu.

Ora tuttu è già finutu
Maniscalcu ha triunfatu:
la so vurza s'ha ghincutu
cu procediri anuratu.
Sulu arresta qualchedunu
Chi nun cridi a lu pirdunu,
e cu l'armi e li banneri
va dispersu ccà e ddà,
cu qalch'autru "Avventureri"
chi d'Italia vinni ccà.

Ma la truppa, nt asti iorna,
cci avi a rumpiri li corna,
e purtannuli a vapuri
ncatinati tutti ccà,
a lu nostru Diretturi
pri scannarli li darrà.
Viva, viva stu Baruni
Di lu Cassaru vacanti,
chi sosizza e sosizzuni,
nni farrà di tutti quanti.

Garibaldi, già ti chiànciu:
pri nu carrinu non ti cànciu:
lu to coddu tantu tisu,
Maniscalcu nfurchirà.

Ma ahimè? Palermitani!!!
Li campani? oh li campani!!!
Chistu è un chiovu dulurusu
Pri l'onestu e vituusu.
Lu battagghiu principali
Maniscalcu si pigghiò;
né cc'è 'a diri "Fici mali"
pirchì è suu? lu miritò.
E lu restu? ? Pri la via
Si sparìu la pulizia,
comu un premiu a li suduri
chi ha ghittatu tutti l'uri.

E pri Lanza chi è arrivatu
Mancu unu nn'ha lassatu.
Mancu unu pri cui porta
L'aletr-ego 'ntra na sporta,
chi nni dici cu buntati
ca farrà stratuna e strati
chi annittati li cunnutti
nni farrà vidiri tutti

chi, a cu voli cchiù gridari,
iuntu appena, fa sparari.
Chi?signuri! E pirchì mai
Li battagghi un sunnu assai?
Tu lu vidi: una campana
Ntra di nui nun sona cchiù:
Hannu statu nquarantana
E nfittati tutti su'.

Ma picciotti, cori granni,
cori allegri a tutti banni
li battagghi ancora aviti:
daticcilli tutti ddà;
chistu è un cànciu chi duviti
a la gran tranquillità.

Vinni cu vinni

Vinni cû vinni e c'è lu triculuri,
vinniru milli famusi guirreri,
vinni ‘Aribaldi lu libiraturi,
‘nta lu sô cori paura nun teni.

Ora sì câ finiu Ciccu Burbuni,
la terra si ci apriu sutta li pedi:
fu pri chist'omu cu’ la fataciumi
câ la Sicilia fu libira arreri.

Ah, ch’è beddu Caribardu câ mi pari
san Michiluzzu Arcangilu daveru,
la Sicilia la vinni a libirari,
a vinnicari a chiddi câ mureru.

Finiu lu tempu di la pucandria,
vinni la paci e semu allegri tutti,
si nn’iu ‘ddu sbirru câ ‘n guerra tinìa:
poviri nui com’erâmu arridutti.

Ma la Sicilia câ re lu facia,
cu’ Garibardi li trami ci ruppi.
Va, scatta e mori cu’ ‘na truppicìa
e prejatinni di ‘ssi beddi truppi.

Ah, ch’è beddu Caribardu câ mi pari
san Michiluzzu Arcangilu daveru.
La Sicilia la vinni a libirari,
a vinnicari a chiddi câ mureru.

Amaru di Franciscu povireddu,
e cû ci la purtau ‘sta malanova?
Ha statu Garibardi lu marteddu
câ nisciu ‘n quinta e ci ‘ncarcàu li chiova.

Ci ha purtatu li truppi a lu maceddu,
ora lu vidi a chi puntu si trova.
Maistà quannu è tempu di la malura
cu l’havi si la chianci la vintura.

Vinni cû vinni e c'è lu triculuri,
vinniru milli famusi guirreri,
vinni ‘Aribaldi lu libiraturi,
‘nta lu so cori paura nun teni.

"Mezzi-aranci" sfaccendati
Che in chiesa, per le strade
Vi nascondete, vi riunite
Per intonare libertà
Negli avvisi non leggete
Che è tornata tranquillità?

Ogni giorno ce l'ha detto
Il Governo, e non è stato creduto
Il Duca della Gancia
È stato preso per Pepè.
"Mezzi-culi", cosa vi prude
Con questa corsa e questi sberleffi?

Già l'assedio era tolto
(e, lo giuro, fu stampato)
Il consiglio militare
Non fu abolito: a chè?
Fu un capriccio,né ci dovete
Trovare voi il perché.

E se ora han pubblicato
L'avviso che è tornato
È perché qualche predone
Forse sperso ancora c'è
E i beni ci difende
La milizia del re

Viva, viva e sia lodata
Questa milizia infrancesata
Che ha distrutto i paesi
Col coraggio dei francesi
Che alle donne e alle bambine
L'ha "data" piano piano
Che ha sbandato i predoni
Trenta volte, e forse più
Che con "casse e cassette"
Si è messo a tu per tu.

Ora tutto è già finito:
Maniscalco ha trionfato:
la sua borsa s'è riempita
cin comportamento onesto.
Solamente resta qualcuno
Che non crede al perdono
E con l'armi e le bandiere
Va disperso di qua e di là
Con qualch'altro "Avventuriere"
Che dall'Italia venne qua.

Ma la truppa, in questi giorni
Gli ha da rompere le corna;
e portandoli a vapore
incatenati tutti qua
al nostro Direttore
per scannarli li darà.

Viva viva questo Barone
Del Cassaro vuoto
Che salsiccia e salsicciotti
Ne farà di tutti quanti

O Garibaldi, già per te piango
Per un soldo non ti cambio
Il tuo collo così altero
Maniscalco inforcherà.

Ma ahimè!...Palermitani!!!
Le campane? oh le campane!!!
Questo è un chiodo doloroso
Per l'onesto ed il virtuoso.
Il batacchio principale
Maniscalco si pigliò;
non c'è da dire "Fece male"
perché è suo? lo meritò.
E il resto?... Per la via
Se lo divise la polizia
Come un premio ai sudori
Che ha sparso in tutte l'ore

E per Lanza che è arrivato
Neppure uno ne ha lasciato.
Neppure uno per chi porta
L'alter-ego dentro la sporta
Che ci dice con bontà
Che farà stradoni e strade
Che puliti i condotti
Ce li farà vedere tutti

Che, a chi vuole gridare ancora,
appena giunto, lo fa sparare.
Che?signore! E
I batacchi non son molti?
Tu lo vedi: una campana
Fra di noi non suona più:
sono state in quarantena
e infette tutte sono

ma picciotti, generosi
cuori allegri in tutti i posti
i batacchi ancora avete:
dateglieli tutti "là";
questo è un cambio che dovete
alla gran tranquillità.

Venne chi (colui che) venne e c’è il tricolore,
vennero mille famosi guerrieri,
venne Garibaldi il liberatore
che nel suo cuore paura non tiene.

Ora sì ch’è finito Cicco Borbone,
la terra gli si è aperta sotto i piedi:
fu per quest’uomo fatato 
che la Sicilia è tornata libera.

Ah, com’è bello Garibaldi che mi pare
san Micheluzzo Arcangelo davvero.
La Sicilia è venuto a liberare,
a vendicare coloro che son morti.

È finito il tempo dell’ipocondria,
è venuta la pace e siamo allegri tutti,
se n’è andato lo sbirro che in guerra ci teneva:
poveri noi com’eravamo ridotti.

Ma la Sicilia che re lo faceva, 
con Garibaldi le trame gli ruppe.
Va, schiatta e muori con l’idropisia
e compiaciti di quelle belle truppe.

Ah, com’è bello Garibaldi che mi pare
san Micheluzzo Arcangelo davvero.
Quando guarda Gesù Cristo pare,
quando comanda davvero Carlo Magno.

Amaro Francesco, poveretto,
e chi gliel’ha portata questa mala-nuova?
È stato Garibaldi il martello
ch’è uscito in quinta e gli ha ripassato i chiodi.

Gli ha portato le truppe al macello,
ora lo vede a che punto si trova.
Maestà, quando è il tempo della malora
chi c’è l’ha le sa pianga la sventura.

Venne chi venne e c’è il tricolore,
vennero mille famosi guerrieri,
venne Garibaldi il liberatore
che nel suo cuore paura non tiene.

large-hotpink-animated-music-notes.gif
large-hotpink-animated-music-notes.gif
large-hotpink-animated-music-notes.gif
large-hotpink-animated-music-notes.gif